Evelina Murgia su Grazia Deledda e Elias Portolu, intervista

Qual è il primo libro che hai letto di Grazia Deledda e cosa ti è rimasto impresso

Il primo libro che ho letto è stato Il segreto dell’uomo solitario e ciò che mi ha colpito molto non è tanto la storia dei personaggi Cristiano, Ghiana e Sarina, ma la descrizione della natura che secondo me, è insieme ai personaggi principali la protagonista e, come la musica, si fa portavoce dei sentimenti umani.

Inoltre, mentre lo leggevo, ma questo mi succede con tutti i romanzi della Deledda, mi sentivo compresa. Penso che tra me e la scrittrice ci sia una certa affinità, come se anche lei durante la sua gioventù in Sardegna avesse provato i miei stessi sentimenti. Sono anche dell’idea che la Deledda sia encomiabile per aver continuato a coltivare la sua passione per la letteratura, nonostante si sia fermata alla quinta elementare, e guardasse oltre all’ambiente isolano sognando la città. Viveva la sua vita secondo le sue passioni e interessi rompendo le regole di vita di una donna nei primi anni del Novecento in Sardegna; per questo motivo la ammiro tantissimo.

Un pensiero sul libro Elias Portolu

È uno dei romanzi della Deledda che ho apprezzato maggiormente. Sono rimasta affascinata dal bellissimo dialogo attraverso lo sguardo tra Elias e Maddalena. Quando ci si parla guardandosi negli occhi non menti, è come stare in una realtà diversa da quella concreta.

Elias e Maddalena s’incontrano in una sorta di realtà surreale in cui ci sono solo loro che si guardano e avvertono la loro presenza. Infatti, tutti gli altri personaggi non si accorgono di nulla, tranne prete Porcheddu e in seguito zio Martinu. Come nel romanzo Marianna Sirca, in cui la protagonista insieme all’amato Simone, contemplano la loro immagine riflessa nel fondo di un pozzo e scoprono così di stare “assieme in un luogo lontano e fuori del mondo”.

La difficoltà sta poi nel scendere da questa dimensione di sogno e ricrearla nella realtà corporea dove non si è più soli ma bisogna convivere con le persone, con le gabbie morali della società o quelle sentimentali da cui spesso, come accade nei libri Elias Portolu e Marianna Sirca, ostacolano e impediscono di vivere serenamente per cui si finisce per fare del male a se stessi e alle persone che ci circondano.

Che cosa è cambiato secondo te in Sardegna oggi e che cosa non lo è leggendo i libri di Grazia Deledda

Parlando di Grazia Deledda con un mio amico torinese che ha letto molti suoi libri, mi sento ripetere spesso che è una scrittrice anacronistica legata al suo tempo, ed è per questo che molte persone non sanno neanche chi sia la Deledda e che sia stata la prima donna nella Letteratura ad aver vinto il premio Nobel nel 1926.

Son d’accordo sull’ultima affermazione perché io stessa durante i cinque anni del Liceo non ho mai sentito nominare la Deledda nelle lezioni di Lettere. Son stata io, di mia iniziativa a voler conoscere questa scrittrice perché mi vergognavo di non sapere nulla. In quanto sarda, penso di avere il dovere di conoscere questa scrittrice che ha dato tanto alla Sardegna e all’Italia in generale.

La Deledda nei suoi romanzi sonda i rapporti interpersonali, in particolare quelli che si creano tra una donna e un uomo vittime o prigioniere delle convenzioni sociali e che si scontrano inevitabilmente con i loro sentimenti.

I matrimoni, in quegli anni, spesso avvenivano per concordanza delle famiglie per mantenere alta la loro ricchezza, ci si sposava per convenienza sociale ed economica e questo portava ovviamente a un benessere puramente materiale e non psicofisico. Penso che la Deledda con i suoi romanzi abbia voluto risvegliare – educare le persone alla libertà dei sentimenti, agli impulsi nobili.

Per quanto mi riguarda, ora i rapporti tra una donna e un uomo sovente si basano sul rispetto reciproco senza aver la necessità di definire il ruolo della persona all’interno della coppia e in questo modo si condivide la bellezza delle cose fatte assieme, dalle esigenze quotidiane che riguardano la casa, agli impegni lavorativi e ai vari interessi culturali.

Nonostante siano passati cento anni dalla pubblicazione dei romanzi della Deledda, quando vedo certi uomini e soprattutto certe donne, penso che per loro il Sessantotto non sia mai esistito e non ne siano a conoscenza. Le donne stesse continuano a vedersi come l’angelo del focolare e l’unica responsabile dell’educazione dei figli che sacrifica totalmente le sue passioni, il suo mondo interiore per servire l’uomo e la famiglia.

Secondo me, dipende tanto dal grado culturale della persona e quindi dagli strumenti che ha acquisito studiando, leggendo, viaggiando ma soprattutto dalla sensibilità e apertura mentale che si possiedono e che gli permettono di comprendere meglio la società che cambia, nel bene e nel male.


Evelina Murgia nasce a Carbonia nel 1987. Si diploma al Liceo Artistico Remo Branca di Iglesias con una tesina sul pittore surrealista Salvador Dalì. A vent’anni lascia la Sardegna per trasferirsi a Torino e frequentare la facoltà di Scenografia presso l’Accademia Albertina.
Nel corso degli anni di studio s’iscrive a un corso di recitazione della compagnia teatrale Compagni di Viaggio e con cui porterà in scena due spettacoli, Dio di Woody Allen e I Fisici di Dürrenmatt, occupandosi anche della scenografia e dei costumi.

Nel 2009 lavora come assistente ai costumi per il film Le ragazze dello swing. Negli anni successivi collabora all’allestimento di alcune mostre e ambienti tra cui lo Share Festival di Torino.

Nel 2015 si laurea con una tesi di costume per il teatro d’Opera seguita dalla costumista teatrale, Zaira de Vincentiis.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.