eBook in abbonamento, le flat prendono piede

È di appena tre mesi fa un nostro articolo riguardo a cosa stava accadendo riguardo alla distribuzione dei libri elettronici in abbonamento e ci chiedevamo quando Amazon avrebbe provato a proporre qualcosa in questa direzione. E proprio due settimane fa è arrivato Amazon Unlimited, servizio in abbonamento, per ora solo per il mercato americano. Il modello riuscirà a imporsi?

Per Amazon era in effetti un passo quasi obbligato per evitare di non essere tra i primi a buttarsi in un ambito che potrebbe offrire interessanti  sviluppi in futuro. Amazon Unlimited consiste quindi in un offerta che offre l’accesso ad un catalogo da 600.000 eBook e migliaia di audiobooks a 10 dollari al mese e su qualsiasi dispositivo.

Come detto nell’articolo precedente rimane il dubbio di quante persone potranno sentirsi interessate da questo tipo di offerta. La questione è che 10 dollari al mese vuol dire un paio di libri al mese, ovvero un prezzo che può interessare solo i grandi lettori.

Sappiamo che Amazon non è la prima a gettarsi nella mischia, ma è il pezzo da novanta che scende in campo. Questo fatto però ci permette di vedere come sono andate altre esperienze nel campo.

Skoobe è un servizio tedesco nato per volontà delle case editrici Holtzbrinck e Bertelsmann, con sede a Monaco di Baviera, che offre la fruizione di eBook su iPad, Android e Kindle Fire. L’offerta è in un po’ articolata, ma l’abbonamento base costa 10 euro e permette di leggere fino a 3 libri contemporaneamente  e su 2 dispositivi, quindi potrebbe bastare già questo per tutta la famiglia. Oltre ai libri prodotti dai due editori c’è anche una selezione di 45.000 libri in lingua tedesca. Il catalogo è in rapida crescita grazie agli accordi che vengono presi con altri editori tedeschi e stranieri. Si tratta di meno di un decimo di quelli offerti allo stesso prezzo di Amazon, ma operando su mercati diversi è un’offerta sensata.

Come stanno andando le cose per Skoobe? Sembrerebbe abbastanza bene anche se poi non c’è modo di conoscere i valori assoluti. È solo dato sapere che chi si abbona ne rimane in genere molto soddisfatto. L’80% dichiara di aver letto libri che altrimenti non avrebbe mai provato e il 43% legge più di prima. Cifre che in sé non dicono niente sulla sostenibilità economica del servizio, ma almeno sappiamo che le persone sono felici.

Dovremo quindi attendere almeno un altro anno per capire se i libri in abbonamento saranno il nuovo modello di distribuzione e se Amazon Unlimited e gli altri servizi di questo genere avranno successo, almeno in questo momento, perché si sa che le tendenze e le abitudini richiedono qualche tempo per modificarsi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.