20lines, scrivere storie in 20 righe

20lines è una community di scrittura collaborativa. Ci si iscrive e si comincia un racconto scrivendone al massimo 20 righe. Poi gli altri partecipanti possono aggiungere un’altra pezzo da 20 righe e si va avanti fino ad un massimo di 6 parti. La cosa divertente è che per ogni parte si possono proporre più continuazioni, lasciando spazio a racconti dagli esiti totalmente imprevisti.

Cosa offre 20lines

Nel panorama delle community letterarie italiane 20lines è sicuramente uno dei posti più interessanti. Il concetto che propone non è di per sé particolarmente innovativo, ma in questi casi, come sempre, conta di più la cura nella realizzazione e la capacità della redazione di stimolare e valorizzare le persone. E in questo 20lines fa certamente un’ottima impressione.

Personalmente conosco 20lines già da un po’ di tempo e su questo blog ho già riportato una loro concorso di racconti di genere fantascientifico organizzato assieme ad Fabbri Publishing, occasione sicuramente ghiotta. Purtroppo però girando per il sito mi sembra che non siano riusciti a replicare con costanza questo genere di proposte, sicuramente molto apprezzate.

Quello che ho invece notato rispetto a qualche tempo fa è che si sta cercando di ampliare il raggio d’azione. Intanto il sito è stato localizzato in diverse lingue, cosa che potenzialmente permette di attingere a nuovi bacini, probabilmente più ampi rispetto a quello italiano. Dall’altra al classico meccanismo delle 20 righe si è aggiunta la possibilità di inserire un proprio racconto di 240 righe, cioè si fa tutto da soli. In questo modo si toglie un po’ l’aspetto creativo, ma credo che si sia andati incontro alle richieste di chi voleva avere la possibilità di mettersi un po’ in mostra su 20lines.

Oltre alla parte di vera e propria scrittura il sito si compone di una sezione editoriale di notizie in cui trovare le proposte di scrittura della redazione e in cui si mettono in evidenza determinati racconti. La costanza con cui vengono proposti argomenti è uno dei modi con cui si tiene alto il coinvolgimento degli utenti, in fondo bastano un paio di proposte al mese.

C’è poi l’immancabile raccolta dei racconti che nel caso di 20lines sono veramente tanti. Fortunatamente sono divisi in un notevole numero di generi, ma probabilmente è l’ordinamento per popolarità che permette di trovare qualcosa di interessante da leggere e, soprattutto, a cui partecipare.

La scrittura collaborativa su 20lines

Tornando invece un attimo alle dinamiche del sito è importante sottolineare che l’aspetto community è molto ben curato. Ogni pezzo di racconto ha la sua sezione di commenti e dal profilo di ogni utente è possibile farsi un’idea delle sue attività e di eventualmente seguirle perché le riteniamo interessanti.

Ogni pezzo di racconto diventa quindi occasione di confronto con gli altri membri della community, che in effetti è notevolmente attiva. Ogni pezzo è poi ulteriormente condivisibile suoi maggiori social network, in modo da invogliare altri a partecipare, o anche solo per vantarsi di quello che si è scritto.

A proposito di social la pagina di 20lines ha ben 32.000 fans, ma non risulta particolarmente attiva. Immagino che la maggior parte dell’attività si svolga sul sito stesso, però è forse un po’ un peccato perdere questa opportunità considerando il numero di persone già coinvolto.

A parte questo pochi mesi fa è stata presentata l’app di 20lines (per iOS e Android) che vi permetterà di scrivere e partecipare anche quando siete in giro col vostro smartphone. Scelta sicuramente opportuna da parte loro, anche se bisogna dire che il design del sito è molto moderno e più che godibile anche col browser mobile. Ma si sa, le persone preferiscono le app.

Consiglio quindi a tutti di farsi almeno un giro su 20lines, anche solo per vedere come è fatto. È molto probabile che troverete un luogo accogliente da frequentare e un servizio divertente da usare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.